08 ottobre 2012

LA DIETA PER CHI STUDIA

Studiare, mantenere la concentrazione in aula anche per molte ore, può essere davvero una cosa faticosa e stancante, soprattutto quando inizia il periodo degli esami, e alla stanchezza, subentra pure l'ansia da prestazione.

Per uno studente, ma la cosa vale per chiunque studi o lavori, nutrirsi in modo sbagliato, può influire negativamente sul rendimento. Questo perché cibi troppo grassi e di lunga digestione appesantiscono l'apparato digerente, il corpo deve lavorare di più,  e conseguenza più eclatante, ci si sente stanchi e assonnati quando non si dovrebbe. 

COSA SI DEVE FARE E QUALE DIETA SEGUIRE PER AVERE LE ENERGIE GIUSTE QUANDO SI STUDIA

Non esiste una dieta perfetta uguale per tutti. L'importante è sapere innanzi tutto che, quando si studia, meglio evitare di seguire diete dimagranti. Piuttosto dedichiamoci allo sport, ma mangiare bisogna mangiare, se si sente fame non è un buon segno e lo studio ne risentirà. 

Avete mai provato la sgradevolissima sensazione in aula, durante una lezione di quelle toste, di avere, prima un vuoto nello stomaco, poi nel cervello, e infine il bisogno assurdo di mangiare qualcosa di dolce, o salato, ma comunque di nutrirvi. Alla sottoscritta capitava spesso, soprattutto a metà mattina. 

EVITARE I CALI DI ZUCCHERO

E' una cosa piuttosto normale ma l'effetto fame devastante aumenta se non facciamo una colazione come si deve. Intendiamoci, non due cornetti al bar e un cappuccio, ok? Questo è abbondare male, perché tutti gli zuccheri semplici che assumeremo ci daranno l'illusione momentanea di stare bene e pronti per affrontare la giornata da leoni. Invece, il complesso meccanismo del metabolismo degli zuccheri che avviene nel nostro organismo fa si che, questi vengano assorbiti molto rapidamente dal sangue e poi successivamente spediti nelle varie parti del corpo dove abbisognano. Ma la cosa grave è che la velocità di assorbimento degli zuccheri causa una reazione a doppio taglio. Il sangue torna presto "pulito" e il senso di fame, anche lui, ritorna velocemente, purtroppo. 

La varietà è fondamentale per una sana alimentazione 
Il consiglio degli esperti, è quello di assumere a colazione ma anche ai pasti, zuccheri complessi in proporzioni maggiori rispetto a quelli semplici.
Sono quindi da preferire, i carboidrati contenuti nei cereali come pasta, riso, pane. Quest'ultimo meglio se integrale, la classica fetta di pane burro e marmellata è il massimo, ma non esagerate con la marmellata, altrimenti torniamo al punto di prima.
Il burro invece, se consumato con moderazione, è un ottimo alimento, soprattutto se associato ai carboidrati del pane perché rallenta l'assorbimento degli zuccheri nel sangue. 

PRANZO E CENA 

via libera alla pasta e al riso, conditi in modo leggero. Evitate roba troppo unta, elaborata, che possa rimanervi sullo stomaco la sera quando avevate pianificato di studiare per ore.
In linea generale dobbiamo cercare di seguire un'alimentazione varia, e mi raccomando le verdure, tante e possibilmente anche crude che fanno pure meglio.

LA FRUTTA

Va bene in ogni momento, per spuntini e a fine pasto. Anche la frutta secca può fornirci energia preziosa, ma con moderazione a causa dell'alta percentuale di grassi, alcuni dei quali saturi, che presentano noci, nocciole, mandorle, noci macadamia, etc. 

Per i cali improvvisi di lucidità a metà mattina o al pomeriggio, potete invece consumare dell' uvetta che proprio perché ricca di zuccheri semplici ci fornisce l'energia immediata di cui abbiamo bisogno. E' ovvio però che non la consumeremo a colazione ma solo come arma segreta per improvvisi cali di zucchero.
Anche qualche tavoletta di cioccolato fondente può andare bene ad integrazione della frutta. In più è molto ricco di sali minerali, se ne dovrebbero consumare 30 g al giorno. Fate voi. 

APPROFONDIMENTI

Dopo queste considerazioni introduttive, per chi se ne intende di alimentazione magari pure banali, vi lascio il link diretto ad un articolo della giornalista Mariateresa Truncellito,  La dieta per studenti, che tempo fa avevo salvato nell'archivio di cose utili per la mia carriera universitaria.

Augurandomi dunque che possa esservi d'aiuto tanto quanto lo è stato per me, vi lascio alla lettura e vi aspetto ancora qui, per altri consigli e qualche idea, forse utile forse no. Però vi aspetto! 

2 commenti :

  1. Articolo utilissimo...in questo periodo sto studiando molto, quindi mi fa proprio comodo sapere cosa è più indicato mangiare!!
    Buona giornata e buono studio!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di esserti stata utile. E complimenti per il nick name, davvero goloso! ;-)

      Elimina

A causa di un problema tecnico al momento non sono in grado di rispondere ai vostri commenti. Sto lavorando per risolvere questo imprevisto. Nel frattempo potete contattarmi attraverso l'indirizzo email che trovate nella barra rossa, in alto a destra, cliccando su contatti.
Grazie!