10 gennaio 2015

COME SI CUCINA IL MISTO DI LEGUMI E CEREALI

Oggi vediamo come cucinare il misto di cereali e legumi secchi in modo semplice e sano, e ottenere una zuppa o minestra come la si voglia chiamare, che sia anche saporita e cremosa.
Ultimamente acquisto al supermercato quei sacchetti di misto di legumi e cereali che si trovano nel reparto orto-frutta. Alcuni portano il nome di zuppa contadina, altri di zuppa toscana, montanara, mediterranea, e chi più ne ha più ne metta. Ci sono anche i sacchetti monotipo per creare abbinamenti diversi e di proprio gusto.

Personalmente preferisco la combinazione cereali + legumi secchi, in particolare orzo, farro, fagioli, lenticchie, piselli e ogni tanto anche le cicerchie. Un misto bilanciato, ottimo come primo o come piatto unico.

Adesso vedremo come preparare questa zuppa genuina sia con la pentola a pressione che con la cottura tradizionale. In entrambi i casi, poiché ci sono i fagioli, consiglio di mettere il preparato in ammollo in acqua fredda per una notte, o comunque per almeno otto ore.


CON LA PENTOLA A PRESSIONE

Per consigli sull'utilizzo di questo utilissimo strumento vi rimando alla guida all'uso della pentola a pressione
Prima di aggiungere acqua e legumi possiamo decidere di fare un soffritto che aumenta il gusto della nostra zuppa. Oppure mettere direttamente tutti gli ingredienti a freddo: prima i legumi, poi l'acqua, l'olio, le erbe aromatiche e qualche spicchio d'aglio intero e spellato se vi piace.

IMPORTANTE: Se ci sono i fagioli non dobbiamo salare se non verso la fine perché il sale rende dura la buccia di questi legumi.

Per il soffritto, consiglio di usare aglio in camicia. Se vi piace mangiare l'aglio cotto invece mettetelo intero spellato e chiaramente non toglietelo dopo averlo soffritto!





Tutto a freddo in pentola prima di mettere il coperchio
 COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE

  1. Soffriggo due spicchi d'aglio spellati in un cucchiaio d'olio.
  2. Tolgo dal fuoco e aggiungo i legumi sciacquati e scolati.
  3. Rimetto al fuoco e mescolo facendo insaporire bene i legumi.
  4. Aggiungo l'acqua del rubinetto  (fredda o calda è lo stesso) in modo che ricopra i legumi di due dita abbondanti.
  5. Aggiungo gli aromi prescelti. Per gli aromi, oltre al rosmarino che non manca mai, ultimamente ho scoperto che con il misto per arrosti viene una delizia e posso stare indietro con l'olio perché è già molto saporita così.
  6. Metto il coperchio, porto in pressione e cucino per 25 minuti.
  7. Spengo il fuoco, apro la pentola dopo che tutto il vapore è fuoriuscito. Assaggio e regolo di sale. 
Se i fagioli dovessero risultare ancora un po' duri, continuiamo la cottura in modo tradizionale a pentola scoperta. Se la zuppa è troppo densa possiamo aggiungere un bicchiere d'acqua bollente.
Se i fagioli sono molto duri allora meglio aggiungere un bicchiere d'acqua, richiudere la pentola e riportare in pressione per poi cuocere ulteriori 5 -10 minuti.


LA COTTURA TRADIZIONALE

Per la cottura in pentola, vale il metodo visto sopra. Niente sale se ci sono i fagioli, e un bel soffritto se vi piace.

Ricordate che cucinata così, la zuppa richiederà almeno 45 min di cottura per essere pronta.
L'acqua deve sempre bollire ma piano e con il coperchio leggermente sollevato in modo che esca un po' di vapore.

Ogni tanto controllate e date una mescolata aggiungendo più o meno acqua verso la fine a seconda di quanto volete che la zuppa sia densa. Il sale lo potete aggiungere quando mancano pochi minuti, insieme all'acqua che sicuramente aggiungerete sul finale.

Dopo aver insaporito i miei legumi nel soffrittino, inizio la cottura con una quantità d'acqua non eccessiva, due dita sopra il livello del misto di legumi e cereali. In questo modo sono sicura che non mi verrà troppo brodosa e posso eventualmente correggere se troppo densa durante la cottura. In genere devo aggiungere un bel bicchiere quando mancano 15 minuti o poco meno.

Attenzione comunque verso la fine, quando diventa bella ristretta perché può attaccarsi al fondo. Tenetela d'occhio e mescolate ogni tanto. Se vi capita che si attacchi date una bella rimestata e non preoccupatevi, il fondo leggermente bruciato aumenta il gusto, e in più vedrete che bell'effetto cremoso.

Quella nella foto è una versione super-ristretta e cremosissima. Con un po' di pratica riuscirete a trovare la giusta quantità d'acqua per raggiungere la consistenza che desiderate.
Alla prossima ricetta!

3 commenti :

  1. Anche noi consumiamo molto queste zuppe, sono molto buone e salutare e naturalmente con aglio, che non si toglie affatto. Sopratutto in questo periodo frescolino, queste zuppette sono molto gradite ! Buona domenica !

    RispondiElimina
  2. 25 minuti in pentola a pressione sono troppi... ho bruciato e stracotto tutto. Ne bastano 10

    RispondiElimina
  3. Mi dissocio dal "fondo leggermente bruciato che aumenta il gusto" che detta così sembra un attentato alla salute!!! Del resto cucino anch'io molte di queste zuppe e concordo con quanto commentato sopra che 10 min sono sufficienti,al massimo 15 vista la presenza dei fagioli. Consiglio al termine della cottura in pentola a pressione di ripassare in padella con filo d'olio aglio alloro e peperoncino. Ciao!

    RispondiElimina

A causa di un problema tecnico al momento non sono in grado di rispondere ai vostri commenti. Sto lavorando per risolvere questo imprevisto. Nel frattempo potete contattarmi attraverso l'indirizzo email che trovate nella barra rossa, in alto a destra, cliccando su contatti.
Grazie!