15 aprile 2013

LAMPASCIONI IN PASTELLA

Lampascioni preparati nella pastella d'uovo
Se avete acquistato i lampascioni, oppure ve li hanno regalati e non sapete come si cucinano, oggi vi mostro una ricetta semplicissima che potrebbe fare al caso vostro, adatta per un secondo non troppo pesante o un antipasto insolito e sfizioso.

Premesso che il sapore dei lampascioni  è particolarmente amaro e potrebbe non piacere, anche se il metodo di preparazione li può addolcire, do per scontato che li abbiate già assaggiati e che siate capitati qui perché vi piacciono. Quindi, ecco la ricetta che ho scelto per voi:   I lampascioni in pastella. Trovo che questa preparazione, con una pastella veloce veloce, fatta d'uovo, parmigiano ( o pecorino) e prezzemolo, sia davvero molto buona, anche se personalmente gradisco di più il lampascione quando è messo sott'olio. 

Se poi non volete farli in pastella perché non siete per questo tipo di piatto, le istruzioni che trovate di seguito, sulla pulitura e bollitura del lampascione, potrebbero tornarvi comunque utili, anche se deciderete di mangiarli in insalata o di metterli sott'olio.
Buona lettura!

COME SI PULISCONO I LAMPASCIONI

  • Il lampascione è simile alla cipolla e si pulisce prima di averlo lavato.
  • I bulbi sono estremamente viscidi. Sbucciateli con dei guantini in lattice e vedrete che non vi scivoleranno più tanto facilmente, è un piccolo trucco di mio padre e sembra funzionare alla grande.
  • Una volta eliminate le falde esterne, e tagliato via la base con le radici, possiamo passarli sotto l'acqua per rimuovere ogni residuo di terra. 
  • A questo punto facciamo un taglio a croce non troppo profondo - circa mezzo centimetro - proprio alla base, dove abbiamo rimosso le radici. Questo trucco aiuterà a spurgare l'amaro quando li cuoceremo nell'acqua. 

COTTURA IN ACQUA DEL LAMPASCIONE

  • Per rendere il lampascione tenero e commestibile, dobbiamo bollirlo per 20 minuti in abbondante acqua salata. 
  • Molti consigliano di eseguire la bollitura in due tempi da 10 minuti, buttando via la prima acqua e mettendone quindi di nuova. In questo modo l'amaro del lampascione si smorzerà un po'. 
  • Un altro metodo per smorzare l'amaro è quello di tenere in acqua fredda i lampascioni dopo averli sbucciati, per una notte, prima di passare alla fase di cottura in acqua. Noi non seguiamo né l'uno né l'altro consiglio, ma è questione di palato.
  • Quando il lampascione è cotto, lo si scola con una schiumarola e lo si lascia intiepidire. 

LA PASTELLA E LA FRITTURA

Eccoci arrivati alla fase più divertente. Ora che abbiamo i nostri lampascioni lessati (1), dobbiamo semplicemente preparare la pastella. Non vi metto le dosi che potrete fare a occhio in base a quanti lampascioni dovrete preparare. 
Sbattiamo le uova con un pizzico di sale, prezzemolo tritato e qualche cucchiaio di parmigiano (2). Adagiamo nella pastella i lampascioni, e schiacciamoli con i rebbi della forchetta (3), girandoli da entrambi i lati. Non preoccupatevi se vi sembra che si rompano, è normale: in cottura  faranno una bella crosticina e assumeranno un aspetto molto più invitante, fidatevi.


Scaldiamo un po' d'olio extravergine d'oliva in un padellino (4), adagiamovi delicatamente i lampascioni a mano a mano che li impastelliamo (5), e lasciamoli friggere per qualche minuto prima di girarli. Dovranno fare la crosticina da entrambi i lati (6). Quando sono pronti, serviamoli caldi caldi, ma sono ottimi anche tiepidi.


Se vi è piaciuta questa ricetta e volete commentarla o suggerire un vostro modo di cucinare i lampascioni, qui nella cucina green sarete sempre i benvenuti. Vi ringrazio per l'attenzione e vi aspetto per una nuova ricetta semplice e casereccia.

3 commenti :

  1. Oh ma certo i lampascioni!! Brava in giro credo che nessuno sappia come cucinarli, ahahah. Grazie ottima idea fatti così, a presto!
    Roby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, in effetti i lampascioni sono un po' di nicchia ma chissà che qualcuno non si faccia tentare e decida di provarli ;) Grazie cara per il tuo commento, buon fine settimana e un salutone!

      Elimina
  2. Non li avevo mai, sentiti nominare! Grande scoperta, non penso se ne trovino dalle mie parti ma mi informerò. Posso chiederti di dare un'occiata al mio blog e di darmi un parere? http://unafranciacortinaincucina.com Grazie!

    RispondiElimina

A causa di un problema tecnico al momento non sono in grado di rispondere ai vostri commenti. Sto lavorando per risolvere questo imprevisto. Nel frattempo potete contattarmi attraverso l'indirizzo email che trovate nella barra rossa, in alto a destra, cliccando su contatti.
Grazie!