02 aprile 2013

COLTIVARE POMODORI IN VASO O NELL'ORTO

Consigli e idee per la coltivazione dei pomodori nel giardino di casa, nell'orto, o in vaso, su terrazzi e balconi.
Vedremo come piantare, concimare e irrigare le piante di pomodoro, in modo semplice e facile, anche per principianti.

La coltivazione del pomodoro, che sia fatta in un orto a cielo aperto, oppure in vaso o in serra, è piuttosto facile e divertente.
Quando si pianifica un orto, piccolo o grande che sia, piantare una o due piante di pomodoro è davvero un "must".

Esistono moltissime varietà di pomodoro tra cui scegliere, dai piccoli pomodorini ciliegia, a quelli di medie dimensioni per insalate e salse, fino ad arrivare a quelli grandi, ottimi da affettare.

Niente ha un sapore migliore di un pomodoro appena colto. Chi non lo ha mai provato, deve farlo assolutamente perché è una cosa incredibile. Comprato al supermercato il pomodoro non ha nulla a che vedere con quello appena raccolto. Quindi, se non mi credete, provate la coltivazione del pomodoro nel vostro giardino e sentirete di persona! Ovviamente poi non ne potrete più fare a meno. :)

Scegliere la varietà di pomodoro

Quando si sceglie una cultivar di pomodoro, tutto dipende dalle preferenze personali. Se siamo per il sapore, le cultivar domestiche sono le migliori. Se si predilige invece l' uniformità di dimensione e forma così come la resistenza ai parassiti e alle malattie, si opterà per le cultivar commerciali.

Il termine cultivar deriva dall'unione di due parole inglesi: "Cultivated" e "Variety" e viene utilizzato per indicare una varietà vegetale strettamente coltivata, ovvero, ottenuta attraverso incroci o modificazione genetica.

Come coltivare i pomodori

Con oltre 7.500 varietà di pomodoro, è possibile non sapere da dove cominciare nella scelta di piante di pomodoro per il nostro giardino o terrazzo. Per fortuna, la maggior parte dei centri di giardinaggio offre soltanto dalle 5 alle 10 varietà tra quelle più popolari, che crescono bene nella nostra zona climatica.

Si potrebbe decidere di cominciare con un pomodoro ciliegia, oppure una varietà più grande, come "Roma", "San Marzano" o "Cuore di bue", tutti ottimi per salse e in insalata.
Se si decide di coltivare più di una pianta, dobbiamo essere preparati a dare via i pomodori ad amici e vicini di casa, oppure possiamo  provare a preparare conserve sotto vuoto con pomodori interi (perfetti i San Marzano), o salse fatte in casa. Vedi ricetta per preparare la conserva di pomodoro.

L'irrigazione è molto importante e deve essere fatta considerando i fattori ambientali e climatici. 
Non è detto che si debba innaffiare tutti i giorni, il terreno deve essere asciutto prima di eseguire una nuova irrigazione e non si devono bagnare le foglie e il tronco ma soltanto il terreno, onde evitare che la pianta possa marcire. 
Nel dubbio è sempre consigliabile stare indietro con l'acqua piuttosto che esagerare. In ogni caso sarà facile capire se la pianta necessita di più acqua osservando lo stato delle foglie: se sono dritte e di colore verde brillante sicuramente stiamo annaffiando in modo corretto. Se al contrario fossero raggrinzite o spente dobbiamo aumentare le dosi. 
Innaffiare sempre nelle ore più fresche, al mattino o alla sera, meglio sarebbe dopo il tramonto.

LA SALUTE DEL POMODORO

Anche se la coltivazione del pomodoro non richiede molte attenzioni, le piante possono andare incontro a problemi di salute e alterazioni. Per conoscere i problemi e le malattie della pianta di pomodoro e poterle prevenire e curare in tempo, vi invito a visitare la  guida dedicata.

Come piantare i pomodori

Il momento giusto per piantare in terra le piantine di pomodori è quando il tempo inizia a riscaldarsi, e non c'è più pericolo di gelate.

Questo perché le piantine di pomodoro hanno bisogno di 8 ore di sole al giorno, a temperature tra i 18 e i 29 gradi.
Le condizioni ideali necessarie per una crescita ottimale sono i livelli di pH del terreno da 5,5 a 6.8, la presenza di abbondante fertilizzante organico o compost nel terreno, e un impianto profondo.

Se possibile, arricchiamo il terreno con abbondanti quantità di compost.

In base alla scelta delle varietà da piantare, si dovrà garantire tra le piante, uno distanza minima di 12 cm (varietà nane), fino a 36 centimetri per le varietà giganti.

Molti giardinieri raccomandano di piantare le piantine di pomodoro con un'inclinazione del fusto di 45 gradi,  e di coprire di terra non solo le radici ma fino a metà della piantina. Sorprendentemente, la pianta di pomodoro inizierà a crescere dritta verso l'alto nel giro di pochi giorni.


La coltivazione in vaso 

I pomodori sono eccellenti piante da vaso. Se il nostro spazio in giardino è limitato, o se proprio il giardino non lo abbiamo, la coltivazione di pomodori in vaso, collocati in una posizione soleggiata sarà la soluzione migliore per ottenere una buona produzione di pomodori.

Utilizziamo un terreno di buona qualità per colture in vaso, con aggiunta di compost o concime e vasi di diametro compreso tra 25 e 35 cm, oppure lunghi come in foto per piantare un paio di piante.

Subito dopo aver trapiantato le nostre piantine, mettiamo una "gabbia da pomodoro" sul piccolo impianto.
Come la pianta crescerà, avrà il supporto necessario in modo da mantenersi in posizione verticale, e tenere sollevati i rami con i frutti.

Suggerimento: Evitiamo di aggiungere la gabbia in seguito, in quanto è difficile inserire un grande impianto all'interno della gabbia senza danneggiare o rompere alcuni dei rami.

TROVA VASI E SERRE PER POMODORI



Coltivazione da seme o da trapianto

Anche se è possibile coltivare i pomodori dai semi, da principianti quali siamo, sarebbe meglio cominciare  con le varietà di pomodoro da trapianto.
È possibile acquistare le piantine da trapianto presso il nostro garden-center di fiducia.
Cerchiamo di acquistare le piantine con un po' d'anticipo; spesso infatti molti centri di giardinaggio e negozi online esauriscono in fretta le varietà di pomodoro più popolari.


Quando si esegue il trapianto di pomodoro, è possibile aggiungere fertilizzante di avviamento al terreno.

Le prime volte che si esegue un trapianto può essere difficile perché bisogna fare molta attenzione a non rovinare le fragili radici della piantina. Quindi stiamo molto attenti.

Inoltre, dovremmo trapiantare le piante di pomodoro durante le giornate nuvolose o nel tardo pomeriggio.

Se non possiamo fare a meno di trapiantare i pomodori quando il sole è molto caldo, dovremmo almeno fornire una temporanea schermatura per le piante, anche fatta di giornali.

Per sostenere il fusto della pianta di pomodoro, possiamo costruire dei tralicci o gabbie, e aiutarlo a mantenere i frutti sollevati da terra. 
Un metodo semplicissimo consiste nell'inserire nel terreno un bastone, accanto alla piantina e legarvi il fusto con dello spago.


Suggerimenti utili per la coltivazione dei pomodori

  • Quando piantiamo le piantine di pomodoro, ricordiamoci come già detto, di interrarle inclinate su un fianco e poi coprire tutta la radice e parte del gambo con la terra. Non c'è da preoccuparsi che la pianta possa venire su storta,  infatti, nel giro di pochi giorni inizierà a crescere in piedi, seguendo una naturale predisposizione alla crescita verticale.
  • Si consiglia inoltre di potare le piante di pomodoro per massimizzare la loro crescita: Fondamentale per una sana e produttiva crescita, è la pratica dell'eliminazione delle femminelle, ovvero dei germogli ascellari che crescono verticalmente nel punto d'intersezione (ascella) dei rami con il fusto. Per approfondire l'argomento vi consiglio questo articolo: La sfeminellatura del pomodoro
  • Assicuriamoci di tagliare anche i rami più bassi e senza frutti, che entrando in contatto con il terreno, potrebbero provocare marciumi e causare malattie alla pianta.

Come si può vedere, con qualche accortezza, coltivare i pomodori è  facile e alla portata di tutti. E nulla al mondo batte il gusto e il profumo, dei pomodori freschi coltivati ​​in casa.


Sarete stupiti di come possano essere gustosi i pomodori maturati al sole. Ve lo dice una che con i pomodori mangiati direttamente dalla pianta ci è cresciuta, e non  in campagna (purtroppo) ma nel piccolo orticello familiare che seppur piccolo riesce tuttora a regalarci tante cose buone e genuine.
Coltivando pomodori potremo quindi risparmiare soldi e godere appieno del gusto e profumo di questi splendidi ortaggi.

Termina qui questa breve guida introduttiva alla coltivazione del pomodoro, una guida che non pretende di essere completa, ma di riuscire nel suo piccolo, a fornire un input, uno stimolo, e magari chissà, proprio quell'entusiasmo e quel desiderio, necessari a farvi decidere di intraprendere la  meravigliosa avventura della coltivazione domestica.

Vi aspetto per una nuova guida dedicata all'orto e alla coltivazione facile di verdure e ortaggi.

15 commenti :

  1. Grazie per l'interessantissimo post cara! :D Ho appena preso una pianta di pomodorini e.. quanto mi manca il mio nonno. Lui si che sapeva come fare queste cose.. i suoi pomodori per me restano ancora unici.. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, sono contenta che apprezzi la coltivazione domestica, il tuo bravo nonno ti ha lasciato la cultura delle cose buone e genuine e sono sicura che il tuo piccolo pomodoro ora è in ottime mani ;) Un bacione!

      Elimina
  2. Splendido post, complimenti, non vedo l'ora di leggere anche quello sulla coltivazione di verdure ed ortaggi. Saluti
    M.G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, grazie grazie! Ho appena pubblicato un piccolo articolo sulla coltivazione in generale, spero ti piaccia. Più avanti cercherò di scendere maggiormente nei dettagli, per adesso il desiderio è quello di far conoscere il meraviglioso mondo della coltivazione domestica e del giardinaggio in generale. Ti aspetto qui allora, nel mio orto virtuale. Un bacione e buona giornata!

      Elimina
  3. Complimenti per il.blog. Ho appena messo in giardino due piantine di circa 20 cm. .è possibile che daranno il frutto quest anno?
    L anno scorso avevo provato con le carote nane..ma hanno solo filato e non ho raccolto nulla
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie mille per i complimenti, io ho trapiantato proprio ieri 30 piantine, e attendo i frutti per fine giugno. I tempi dipendono dalla zona climatica, comunque quest'anno i pomodori li avrai sicuramente perché il pomodoro è una pianta annuale ;) L'importante è che sia in posizione ben assolata. Un saluto, fammi sapere poi il risultato, ci conto! :)

      Elimina
    2. Grazie per la risposta Silvia Green!!
      Le piantine sono posizionate bene..ma il sole in questi giorni si fa desiderare!!
      Senz altro ti terrò informata sulla crescita! !e spero piccolo raccolto!!
      Anch io so che la luna si guarda x le semine..e non i trapianti!!
      A presto allora..
      Smackss

      Elimina
  4. Complimenti interessante e utile! Proverò il trapianto con l'inclinazione del fusto a 45°! Ma secondo te è utile trapiantare i pomodori seguendo le fasi lunari.? Io ho intenzione di piantare una 15ina di piante, non l'ho ancora fatto perché vivo in Piemonte, conto di farlo entro i prossimi 10/15 giorni con Luna crescente un po più di caldo e meno pioggia! !! : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per i tempi direi che va bene, qui in zona Milano abbiamo trapiantato proprio ieri approfittando delle prime giornate di caldo e sole. Per le fasi lunari mi sembra siano da seguire per la semina, non credo che sul trapianto possano influire. Proverò a fare delle ricerche in merito per approfondire. Intanto un saluto, auguri per le tue piantine e grazie mille per il tuo commento e per l'apprezzamento, saluti! ;)

      Elimina
  5. Salve,vorrei sapere che tipo di terriccio devo utilizzare per piantare i pomodori?e la prima volta che lo faccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi usare un terriccio universale arricchito con sostanza organica come il compost o lo stallatico pellettato. Se coltivi in vaso, metti sul fondo uno strato di argilla espansa.

      Elimina
  6. Buona sera volevo chiederle alcuni consigli, la prima ho dei pomodori di ciliegino e pomodori normali tondi piantati sia in terra e in vaso,mi accorgo che le foglioline alla base della pianta ingialliscono e poi si macchiano ,le foglioline a'llapice della pianta sono un po' chiuse viscose e non morbite ed altre piante presentano le foglie grandi.Mi avevano consigliato un prodotto da innaffiare per evitare il deposito delle uova della farfalla che ho fatto ma non ne sono convinto e succesivamente spolverare il verde rame, quali consigli mi puo dare grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona sera, riguardo all'ingiallimento precoce delle foglie potrebbe essere una carenza di azoto nel terreno, difficile da capire non potendo vedere il soggetto. Anche le macchie presenti sulle foglioline, a seconda di forma e colore potrebbero essere causate da fattori diversi. Se vuole può inviarmi una foto all'indirizzo email che trova nei CONTATTI. Sarò lieta di poterla aiutare ulteriormente, anche perché così non posso fare molto. Invece, per le foglie viscose, potrebbe trattarsi come dice di un attacco da parassiti, dovrebbe controllare se riesce a vedere larve o afidi. Mi faccia sapere!

      Elimina
  7. Salve o piantato una decina di piante di pomodoro ciliegino, le pianta risulta vigorosa con foglie belle lucide e molti frutti l'unico problema che i pomodori sono piccoli,qualle puo essere il problema???
    Grazie attento risposta.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se hai piantato il ciliegino,non potra' certo diventare un cuore di bue....

      Elimina