31 ottobre 2012

Pane allo yogurt con la Macchina del Pane

il mio pane allo yogurt fatto nella mdpFinalmente una ricetta dove il pane fatto in casa con la macchina del pane e il mio adorato yogurt prodotto con la yogurtiera, si incontrano felicemente. Nasce così un pane allo yogurt davvero speciale e soprattutto genuino.

Oltre allo yogurt fatto in casa, ho scelto di utilizzare due tipi di farina, la semola rimacinata di grano duro che dona gusto, colore e spessore, e una 00 rinforzata per pizza e pani che migliora la lievitazione e la sofficità.
Utilizzando il metodo ormai collaudato dell'infilzatura e ribaltamento, ho ottenuto una pagnotta  uniformemente cotta e dall'aspetto rustico.
Lo yogurt ha reso la mollica più umida e pastosa, a livello di gusto non ho trovato punte di acido ma sicuramente il sapore è diverso rispetto a quello di un pane comune.
Devo dire che mi piace molto l'idea di aver creato un pane, dove, alla presenza dei carboidrati complessi, si affianca quello delle proteine del latte. Trovo che una fetta di pane allo yogurt possa diventare così un sano e nutriente spuntino, o anche un modo veloce e saziante di fare colazione. 
Visto che la componente grassa e proteica è già presente, basta anche solo un velo di marmellata per rendere questo pane un modo intelligente di fare colazione. Adesso che l'ho scoperto, la mia macchina del pane farà senza dubbi gli straordinari. E anche la yogurtiera evidentemente. :)

INGREDIENTI 
(per una pagnotta da 700 g circa)
  • Farina di semola -250 g 
  • Farina 00 - 200 g
  • Yogurt intero al naturale - 250 g
  • Lievito di birra fresco - 15 g
  • Acqua tiepida ad occhio
  • Sale - un cucchiaino
  • Zucchero - 2 cucchiaini rasi

PROCEDIMENTO

Fare questo pane è davvero semplicissimo. L'importante è avere tutti gli ingredienti a temperatura ambiente. L'acqua invece dovrà essere tiepida ma non calda, diciamo sui 45 gradi, e la utilizzeremo soltanto nel caso l'impasto non prenda tutta la farina.
  1. Nel cestello della mdp con il gancio inserito, ho messo in successione: yogurt, lievito sbriciolato, farine setacciate, lo zucchero e il sale. 
  2. Ho inserito il programma standard, crosta scura, pezzatura piccola. Durante la prima fase d'impasto ho aggiunto un dito d'acqua tiepida e rimosso la farina che restava negli angoli servendomi della paletta in silicone. 
  3. A metà cottura ho eseguito il metodo dell'infilzatura e ribaltamento e cotto fino al termine del programma, più cinque minuti aggiuntivi per i quali ho inserito il programma di sola cottura.
Per essere il primo esperimento sono molto soddisfatta del risultato. Volete provare anche voi e poi farmi sapere cosa ne pensate?
Io mi sono innamorata di questo pane, anche se l'integrale resta comunque il mio preferito.


CONSIDERAZIONI FINALI
Quando ho sfornato questo pane, ve lo voglio dire in tutta sincerità, la prima reazione che ho avuto è stata molto negativa. La parte alta, la calotta,  non si era alzata come piace a me e la crosta mi è subito sembrata strana, irregolare in alto e molto sottile sotto e sui lati della pagnotta.

Quando ho tagliato il pane a fette mi sono dovuta ricredere: merito senza dubbio della farina di semola di grano duro che ha dato alla mollica una bella consistenza, un colore giallino molto simpatico e anche un buon sapore di casereccio. Ecco, riguardo al gusto, che poi in fondo è la cosa più importante,  lui è ottimo!

Concludo con una considerazione sullo yogurt: il pane potrebbe rivelare la sua presenza all'inizio, nella particolare consistenza della mollica, e poi alla fine, perché lascia in bocca un retrogusto leggermente amarognolo ma mai sgradevole. In realtà potrebbe essere scambiato per pane normale, solo con un gusto particolare, a me è sembrato quasi di pizza, non so spiegarvelo, dovete provarlo.
Nel complesso lo trovo un ottimo pane. Provatelo con un velo di marmellata, semplicemente squisito.

AGGIORNAMENTO DEL 04 NOV 2012
Dopo cinque giorni nel congelatore, ho tirato fuori l'ultima fetta rimasta e l'ho scongelata velocemente nel microonde. Piacevole sorpresa: La consistenza, il profumo e il sapore erano ancora gli stessi. Mi è sembrato poi che il gusto fosse addirittura migliorato. Questo pane è incredibile. Dovete provarlo assolutamente!

9 commenti :

  1. Mi viene spontaneo chiederti: ma perchè non fare il poolish come per il pane integrale? Perchè non fare il poolish per tutti i pani?
    Ciao, Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, domanda legittima che mi sono posta anch'io. Per questo pane in particolare, ho deciso di non utilizzare il metodo Poolish per la presenza dello yogurt. E' lui il colpevole ;-) Il mio timore era che aggiungendolo al poolish maturo nella fase 2 insieme alla restante farina mi avrebbe scombinato l'equilibrio tra liquidi e solidi. Però immagino ci sia il modo, probabilmente basta mettere più farina in fase 2. Bisogna provare e vedere come va! :)

      Elimina
  2. Ciao :D Lo sto provando...ma fatto a mano!!! Speriamo benee!! LAURA

    RispondiElimina
  3. Ciao Silvia, i tuoi consigli sono utilissimi per me e la mia amica, in quanto ogni giorno visitiamo il tuo blog alla ricerca di nuove e sane ricette per la nostra dieta universitaria. ps. se passo l,esame di chimica ti invio un contributo per il tuo sogno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissime lettrici, non sapete come mi rallegra questo vostro messaggio, siete state troppo gentili!!!
      Vi faccio un enorme in bocca al lupo per l'esame, fatemi sapere come va così festeggiamo anche qui sul blog.
      Un bacione e ancora grazie di cuore!

      Elimina
  4. Ciao! Giravo per la rete in cerca di dritte per fare lo yogurt con la yogurtiera e ho trovato il tuo blog! Complimenti davvero, ho rispolverato anche la macchina del pane che avevo archiviato in modo pressoché definitivo dopo qualche tentativo decisamente deludente e... ho già fatto l'integrale e quello ai semi di sesamo...spettacolo, crosta croccante, interno morbido, senza quel saporaccio di lievito...non vedo l'ora di provare anche questo, ovviamente fatto con lo yogurt che viene benissimo!!! Ancora grazie!!! Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, sono felicissima dei tuoi successi e non sai quanto mi dia soddisfazione sapere che i miei articoli su pane e yogurt ti abbiano aiutato. Grazie per aver lasciato la tua testimonianza, ti auguro tante altre soddisfazioni, in cucina come nella vita. E se vuoi ripassare per dirmi come esce questo pane allo yugurt ne sarei molto felice. A proposito, se ti sembra che la crosta superficiale sia un po' irregolare e "strana", non preoccuparti, è colpa del buonissimo yogurt ;) non so perché lo faccia ma il risultato è buono e l'interno bello soffice e profumato.
      Bacioni! :)

      Elimina
  5. Ciao"
    Scusa se ti scrivo qui. Ho da poco la macchina del pane =) ieri ho fatto il mio primo pane seguendo le tue indicazioni =) buonissimo.
    volevo solo farti due domande:
    1)è normale che in fase di cottura, proprio all'inizio, fuoriesca un leggero fumo dallo sportello di controllo?
    2)mi piacerebbe fare l'impasto per la pizza: tu mi potresti aiutare con ricetta? Perché sul tuo blog non ho trovato nulla e non so dove cercare.
    Grazie
    Enrica

    RispondiElimina

A causa di un problema tecnico al momento non sono in grado di rispondere ai vostri commenti. Sto lavorando per risolvere questo imprevisto. Nel frattempo potete contattarmi attraverso l'indirizzo email che trovate nella barra rossa, in alto a destra, cliccando su contatti.
Grazie!